lunedì 1 aprile 2013

"Baby o non baby?" di Polly Williams

Della scrittrice inglese Polly Williams avevo già letto, mesi e mesi fa, "Vita bassa e tacchi a spillo" che, nonostante il titolo un po' sciocco e frivolo, è un bel romanzo che parla della maternità con le sue gioie ed i suoi dolori, di un amore con alti e bassi e dei sentimenti contrastanti di una giovane neomamma che passa dai tacchi a spillo alle informi tute da ginnastica.

Tempo fa ho comprato anche "Baby o non baby" ma stavolta il tema della maternità resta relativamente marginale.
Ossia, le vicende ruotano attorno al desiderio di maternità delle due protagoniste che però a lungo trova ostacoli e non si concretizza, però in realtà è più incentrato sulle loro tormentatissime vicende sentimentali/coniugali.


In copertina è trascritto un commento firmato da Sophie Kinsella che definisce il romanzo brillante e divertente; ecco, se devo dire la mia (e son proprio qui a farlo :D) divertente e brillante sono gli ultimi aggettivi che userei per questo libro!
Io non l'ho trovato divertente o ironico MAI, neppure in una sola frase. Idem per quanto riguarda il poterlo definire brillante.
L'ho trovato invece ridondante e pesante in certiparagrafi e capitoli, decisamente poco scorrevole e anche poco coinvolgente ed appassionante.
Per non parlare poi di quanto la maggior parte delle vicende narrate mi sia sembrate surreali e quindi di scarso interesse...
Un libro che a mio giudizio ha troppa invenzione ma senza creatività, tante lungaggini ma senza che siano scritte in modo coinvolgente e brillante e la sostanza alla fine è decisamente poca...
Il finale peraltro, è facilmente intuibile pressoché dal primo quarto del libro...

Qualcuna lo ha letto?
Attendo altre opinioni! :)

0 commenti:

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti! Saranno pubblicati dopo l'approvazione
Laura